LO STUDIO
Le sigarette creano problemi con il partner per il 90% dei non fumatori
Le sigarette creano problemi con il partner per il 90% dei non fumatori

Nove non fumatori italiani su dieci hanno avuto divergenze con il proprio partner a causa del vizio del fumo di quest'ultimo, e una percentuale simile è infastidita dalle sigarette durante i pasti. Lo afferma un rapporto dal titolo "Unsmoke: Clearing the Way for Change" basato sui risultati di uno studio internazionale condotto per Philip Morris International da Povaddo.

Sempre secondo lo studio abbandonare l'utilizzo di sigarette e prodotti contenenti nicotina rimane la scelta migliore ma rispetto al continuare a fumare l'utilizzo di alternative senza fumo potrebbe migliorare la qualità delle relazioni personali. Per gli ex-fumatori che sono passati definitivamente a prodotti senza fumo infatti i pasti hanno un sapore migliore (84%), la loro vita sociale è migliorata (57%), e le loro relazioni con la famiglia e gli amici sono migliori (51%).

Per quanto riguarda il pubblico italiano, il rapporto fotografa innanzitutto il desiderio di un maggiore impegno per rendere le sigarette un ricordo del passato - un obiettivo condiviso da quasi nove intervistati su dieci che affermano che il Governo dovrebbe investire tempo e risorse nel cercare di ridurre l'incidenza del fumo. Se l'87% degli intervistati concorda sulla necessità di maggiori e più trasparenti informazioni sui prodotti senza fumo, solo il 17% dei fumatori si ritiene "decisamente d'accordo" sull'avere tutte le informazioni necessarie.


«Attualmente vi è molta disinformazione sui prodotti senza fumo e questo crea confusione. È uno dei maggiori ostacoli che è necessario affrontare per costruire un mondo senza fumo - ha concluso Jacek Olczak, chief operating officer di PMI -. La realtà è che sono disponibili valide alternative per i fumatori adulti che non smettono di fumare. C'è un bisogno urgente di un dibattito globale - basato su ricerche e fatti scientifici - su queste alternative».  

Giovedì 22 Agosto 2019, 21:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA
staibene.it